1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto


Notice: Undefined property: ContentViewArticle::$category in /home/www/web450/html/Joomla/templates/it_charity/html/com_content/article/default.php on line 24

Notice: Trying to get property of non-object in /home/www/web450/html/Joomla/templates/it_charity/html/com_content/article/default.php on line 24

Progetto Hogar de dia Polo

 

 

 Hogar de dia Polo febrero 2015

Finalmente, a un anno dalla fondazione dell'associazione civile Hogar de Dia Polo, siamo riusciti ad acquistare un terreno sul quale poter edificare un piccolo salone comunitario e dare cosi' a Mariela e ai suoi volontari, grazie al contributo del Governo della Provincia di Cordoba e altre associazioni, di svolgere attività a sostegno di giovani con problema di dipendenza da droghe e in uscita dal carcere minorile. Di fondamentale importanza saranno i contributi economiciche ci perverranno affinché questo sogno possa divenire entro il 2015 una concreta realtà.

Quando mi viene chiesto perchè il nuovo progetto argentino rivolto a minori in difficoltà si chiami „Hogar de Dia Polo“ non sempre rispondo con la dovuta sincerità. La mia reticenza non ha origine dal termine “Hogar de Dia”, facilmente traducibile con “luogo di giorno”, a rappresentare uno spazio dedicato ai giovani, quanto al nome Polo e alla storia a questi legata. Una storia che qualche anno fa ha spinto Mariela, una trentenne di Villa Urquiza, a fondare un’associazione per la tutela dei minori. Polo è il soprannome di un bambino nato 12 anni fa nella parte piu’ buia di quelle che in Argentina vengono chiamate villa miseria, equivalente per molti aspetti alle favelas brasiliane. Basta la parola favelas a guidare l’immaginario collettivo verso un contesto di miseria e disperazione, senza tuttavia dare l’esatta percezione della profondità e estensione dei drammi che ogni giorno vi hanno luogo. Talvolta si arriva al punto che un padre ubriaco uccida davanti agli occhi del figlio di pochi anni la madre. Basterebbe questo a sconvolgere una vita e a stravolgerne per sempre il suo corso. Ineludibile la domanda: e se fosse capitato a me? Chi o cosa sarei oggi?

  Purtroppo, questo è solo l’incipit della storia di Polo, una storia oltre i confini dell’accettabile. Morta la madre e il padre in carcere, il bambino viene affidato alle cure di uno zio che sembra potergli offrire l’affetto e le cure di cui ha bisogno. I problemi sorgono quando gli assistenti sociali vengono a conoscenza che il nuovo tutore è un travestito che esercita il mestiere e decidono di affidarlo a una famiglia convenzionale che sotto compenso si preda cura del bambino. E’ sotto un contesto di apparente normalità che inizia il secondo calvario di Polo, il quale è presto vittima di molestie sessuali e sevizie da parte dei fratellastri maggiori. Da questo momento in poi, il passaggio da un istituto a una comunità, da una famiglia l’altra scandiscono i ritmi di una giovane vita già ampiamente pregiudicata.

Durante il mio ultimo soggiorno in Argentina, avvenuto a fine gennaio del 2015, Mariela mi ha informato che Polo è appena stato ripudiato dall’ennesima famiglia e che quello zio reputato non adatto alla sua tutela, abbandonata la strada, sta cercando in tutti i modi di riportarlo a se’. Cio’ non credo che accadrà e se anche dovesse mai verificarsi certamente non servirà a restituire una vita bruciata a soli 12 anni. L’emblematica storia di questo bambino è il motivo per cui Mariela ha deciso di fondare l’associazione “Hogar de Dia Polo” e lo stesso per il quale la Madian Orizzonti ONLUS si è offerta di aiutarla nella realizzazione del suo progetto. E’ una lotta impari di fronte a un destino incomprensibile, a drammi inaccettabili. Ma è anche una lotta alla quale non possiamo rinunciare affinchè storie come quella di Polo restino un ricordo, un monito di un passato da NON dimenticare.

Prossimi eventi

 

Il sole a ovest di Cordoba - Romanzo

La storia della Casita del Sol é diventata un romanzo al momento acquistabile attraverso il sito dell'editore (a partire da febbraio 2017 in libreria)

http://www.villaggiomaori.com/#!/Fabio-Mancin-Il-sole-a-ovest-di-Còrdoba-Storia-di-una-favela-argentina/p/74641661/category=0

Il ricavato dell'autore verra' devoluto in beneficenza a favore dei progetti argentini e delle famiglie torinesi di difficolta' attraverso la Madian Orizzonti Onlus (www.madian-orizzonti.it).