1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto

Solo l'amare Solo il conoscere conta Non l'aver amato Non l'aver conosciuto


Notice: Undefined property: ContentViewArticle::$category in /home/www/web450/html/Joomla/templates/it_charity/html/com_content/article/default.php on line 24

Notice: Trying to get property of non-object in /home/www/web450/html/Joomla/templates/it_charity/html/com_content/article/default.php on line 24

Nilda e la Casita del Sol

Talvolta si ha la fortuna di incontrare persone fuori dall’ordinario, che attraverso la loro semplice presenza sanno trasmetterci una serenità che altrimenti, nell’affannoso rincorrersi della vita, è difficile trovare. Attimi rari ma prezioni, sprazzi di lucidità che ci permettono di vedere la vita con distacco e obiettività. Nilda é una di queste. Una persona semplice e umile che ho avuto la fortuna di incontrare in una favelas argentina nel maggio del 2004. Una persona di scarsa cultura (ha la quinta elementare) ma con attorno a sè quell’aurea che non si suda sui libri e che qualcuno chiama saggezza. Sarà capitato anche a voi di incontrare personaggi del genere. Anime rare, capaci di trasmettere calore e che, quasi senza parlare, riescono a tirare fuori il meglio di noi, orientandoci nella confusione di tutti i giorni. Dubito che siano consapevoli di questa loro capacità. A me piace pensare che sia un talento che tutti noi avevamo ma che pochi di noi hanno saputo coltivare. Ma chi é la Nilda che mi ha spinto a scrivere queste righe un po’ confuse? Una donna che per anni e in maniera assolutamente disinteressata, ogni sabato pomeriggio, radunava i bambini più poveri di una favelas di Cordoba in una piazzola colma di erbacce e lì

 

organizzava per loro dei giochi, nell’illusione di averli per poche ore salvati dal loro destino. Un’immagine che fa sorridere, una Donna Chichotte dei nostri tempi. Al termine del pomeriggio li faceva sedere sul gradone del suo chiosco di generi alimentari e distribuiva loro del pan criollo e della cioccolata calda. Così per anni. Senza nessun aiuto e nel disinteresse generale di organizzazioni e padri di famiglia. Io l’ho conosciuta che era già una vecchia stanca, ma tuttavia capace di entusiasmarsi per un sogno: erigere una casita per quei bambini, sullo stesso terreno in cui ogni sabato pomeriggio li portava a giocare. Ed è qua che inizia la storia della Casita del Sol: da questa sua ostinata perseveranza, dalla passione che spinge a gettare ogni giorno una goccia di attenzioni in un mare di indifferenza, dall’assenza di calcolo nelle sue azioni. Nel momento in cui ho deciso di darle una mano sono stati in molti che hanno cercato di dissuadermi, ritenendo che Nilda non sarebbe stata all’altezza di gestire quanto la sua mente sognava. A convincermi è stata quella sua luce negli occhi che nonostante il tempo e le sconfitte non si é mai spenta. La storia della Casita del Sol è il frutto di questa luce.

Prossimi eventi

 

Il sole a ovest di Cordoba - Romanzo

La storia della Casita del Sol é diventata un romanzo al momento acquistabile attraverso il sito dell'editore (a partire da febbraio 2017 in libreria)

http://www.villaggiomaori.com/#!/Fabio-Mancin-Il-sole-a-ovest-di-Còrdoba-Storia-di-una-favela-argentina/p/74641661/category=0

Il ricavato dell'autore verra' devoluto in beneficenza a favore dei progetti argentini e delle famiglie torinesi di difficolta' attraverso la Madian Orizzonti Onlus (www.madian-orizzonti.it).